Marco Agostinelli nasce ad Ancona nel 1966; da anni vive ed opera a Fabriano, città dove risiede. Compie le sue prime esperienze musicali al flauto dolce e al flauto traverso dapprima con il padre e successivamente nello stesso Corpo Bandistico (che poi dirigerà succedendo al M° Merli), nel coro, nei gruppi strumentali e vocali della città. Fin dall'infanzia pratica la chitarra, il pianoforte e vari strumenti a fiato; a undici anni, incoraggiato da Severino Gazzelloni, che lo ascolta dopo un concerto tenuto a Fabriano, comincia in maniera sistematica lo studio del flauto traverso; a tredici anni si iscrive al conservatorio di Pesaro dove studia flauto con Fulvio Farnedi col quale si diploma nel 1986. Giovanissimo, nell’anno 1984-1985 si assume l’impegno di istruttore ne corso locale di orientamento musicale della banda. Sono anni di studio intenso, di esperienze nel campo della composizione, delle prospettive storigrafiche e musicologiche, dei linguaggi alternativi, della musica contemporanea, della musica afroamericana. Verso il finire degli anni '80 conosce Janos Bàlint col quale segue lezioni di perfezionamento a Budapest e al conservatorio di Szeged.
In questo periodo compie un' intensa ricerca sull'improvvisazione e sui linguaggi musicali orali collaborando nei laboratori di musica intuitiva, con gruppi di ispirazione jazzistica e improvvisazione contemporanea.

Alla metà degli anni '90 si iscrive al conservatorio di Verona dove studia flauto traverso con Marcello Castellani col quale si diploma nel 1999.Verso la fine degli anni '90comicia a praticare le tecniche del polistrumentismo simultaneo espandendo il proprio strumentario alle ance, ai fiati etnici al pianoforte ed alla musica elettronica. Il risultato di tali studi è testimoniato da "Yeti" un disco in solo dove si dipanano su un unico filo conduttore le tecniche del polistrumentismo simultaneo della multivocalità, dell'elettronica. Da qualche tempo utilizza in maniera frequente, flauti, sax soprano e clarinetto basso.

Collabora con una certa regolarità con alcuni artisti di varia natura ed estrazione musicale sia in veste di strumentista che di arrangiatore. Come ricercatore si è dedicato ad uno studio sulla vocalità seicentesca e sul compositore Bartolomeo Barbarino. Ha anche compiuto studi sulla laude medievale tra due e quattrocento fondando il gruppo di musica medievale "laudare et delectare". Esperto nella ricerca del campo informatico-musicale collabora come esperto in progetti didattici per scuole superiori ed elementari.

Sotto la sua guida, il Corpo Bandistico “Citta di Fabriano” partecipa il 23 aprile 1995 a Pesaro al concorso per Bande Nazionali. Degno di nota è il particolare elogio che la giuria attribuisce al M° Agostinelli per la sua composizione dal titolo “Melodis”.


Login

Login

Calendario

Meteo

giweather joomla module

Visitatori

Abbiamo 8 visitatori e nessun utente online